Museo del Risorgimento

La ricca collezione di dipinti, cimeli e stampe conservata al Museo del Risorgimento illustra il periodo della storia italiana compreso fra la prima campagna di Napoleone Bonaparte in Italia nel 1796 e l’annessione di Roma al Regno d’Italia nel 1870.

Il primo nucleo della collezione venne costituito in occasione dell’Esposizione Nazionale di Torino del 1884, dove un cospicuo numero di cimeli e documenti sul Risorgimento italiano trovarono posto nella sezione storica. Al termine della rassegna il materiale fu trasferito nel Salone dei Giardini Pubblici del Porta Venezia a Milano, dove il 24 giugno 1886 venne ufficialmente inaugurato il Museo del Risorgimento Nazionale.

Vari trasferimenti hanno portato il museo prima nelle sale della Rocchetta del Castello Sforzesco (1896), in seguito alla Casa Manzoni dopo i bombardamenti del 1943, infine nel 1950 nella sede definitiva a Palazzo Moriggia.

Nel 1998, in occasione del 150° anniversario delle Cinque Giornate di Milano, è stato inaugurato un nuovo allestimento, che comprende una sala multimediale.