La rete

La Rete museale dell'Ottocento Lombardo è frutto della consapevolezza di quanto sia ampio e sinergico il panorama che dal quel secolo affiora ancora oggi sotto il tessuto della Lombardia moderna. La Rete è la somma dei percorsi che hanno collegato le istituzioni, gli artisti e i protagonisti di quel periodo.

Dall'Accademia di Brera, luogo della genesi di queste connessioni, fino ai musei civici, che accolgono ciò che dalla scuola, attraverso le esposizioni d'arte, e dal mondo del collezionismo arriva nelle loro raccolte, si possono tessere molte trame e narrare molte realtà possibili. La consapevolezza di argomenti, temi e ragioni comuni ha portato le varie istituzioni alla creazione di uno strumento di studio, il cui scopo è promuovere la conoscenza della storia dell'arte, della cultura e della sociologia.

Con la scuola dei maestri dell'Accademia di Brera, Milano diviene un centro di attrazione per tutta Italia, un cantiere trainante per le numerose commissioni pubbliche e per la realizzazione di monumenti onorari, che assurgono a modello di riferimento per la borghesia lombarda. In molti i vi giungono perché attirati da modernità e innovazione tecnologica. Dalla memoria dell'antico quale radice della modernità, al collezionismo lombardo, alla letteratura, alla poesia e al melodramma, dall'insegnamento artistico a tutto l' immaginario di temi e possibilità che trovano ragione di essere alla luce delle rivoluzioni che il secolo innesca (politiche, religiose, sociali, industriali, urbani, familiari, scientifiche, artistiche, di materiali e tecniche), la Rete vuole essere un laboratorio di confronto, studio e ricerca, per promuovere la conoscenza e per progettare il futuro di questa storia.

A partire dalla valorizzazione delle collezioni e dei luoghi, attraverso azioni di manutenzione programmata, attivando laboratori di museotecnica, redigendo cataloghi generali e progetti di ricerca scientifica comuni, creando strumenti didattici integrati di guida al territorio, organizzando mostre, raccogliendo bibliografie ed esaudendo il desiderio della Regione Lombardia di creare sinergie tra enti e istituzioni, la Rete vuole promuovere la ricerca e la cultura e diventare elemento di riferimento per il pubblico e per gli studiosi delle discipline.